Pina Nuzzo

Paestum, comunicato del Museo

Per la GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DONNA: 2 visite guidate ai depositi ore 11:00 e 15:00 – Conferenza ore 17,30, MUSEO – SALA METOPE

8 marzo, un appuntamento che il MiBACT dedica tradizionalmente alle donne offrendo l’ingresso gratuito a tutti i musei, aree archeologiche e monumenti.
Paestum partecipa con un programma che si sviluppa durante l’intera giornata: la mattina due visite guidate ai depositi e, nel pomeriggio, una conferenza curata dell’Associazione Femminista Artemide.

Il tema dell’incontro è ben sintetizzato da Eva Cantarella: Ripercorrere la storia delle donne nell’antichità greca e romana non è semplice curiosità erudita… Osservare la vita e seguire le vicende di organizzazioni sociali come quella greca e quella romana aiuta a svelare, se non il momento nel quale nacque la divisione dei ruoli sociali, il momento nel quale questa divisione venne codificata e teorizzata: e cominciò quindi a essere vista, invece che come un fatto culturale, come la conseguenza di una differenza biologica, automaticamente tradotta in inferiorità delle donne. (L’ambiguo malanno. Condizione e immagine della donna nell’antichità greca e romana, Roma 1981).

Analizzare il genere come un prodotto culturale, – concorda il direttore Gabriel Zuchtriegel, – non vuol dire negare l’esistenza del corpo biologico, ma prendere consapevolezza che ogni realtà esterna è accessibile e comunicabile solo attraverso la lingua, l’arte e la cultura, che determinano il mondo in cui viviamo

Programma
ore 11.00 e ore 15.00:
Due speciali visite guidate ai depositi museali alla scoperta delle immagini femminili sulle lastre tombali

ore 17.30:
Eva Cantarella: TACITA MUTA. Le donne nella città antica
Gabriel Zuchtriegel: OLTRE IL MITO. Cosa Ermafrodito ci dice sull’identità femminile

Intervento artistico di Pina Nuzzo:
“SEGNI CHE FONDANO IL MONDO”

http://www.museopaestum.beniculturali.it/donne-di-paestum-visioni-oltre-il-mito2/

Categorie: arte, mostre, Pina Nuzzo | Tag: , | Lascia un commento

catalogo virtuale

Ho deciso di ricomporre il mio percorso artistico in questo blog  perché la rete è ormai uno spazio privilegiato di incontro e di scambio. Dialogo che si espande su Facebook. Qui  ho avuto modo di conoscere artiste/i  che poi ho incontrato davvero grazie agli intrecci delle relazioni e delle amicizie condivise; così ho rinnovato quella socialità di cui ogni artista ha bisogno per mostrarsi e per mostrare le proprie opere.

Ho suddiviso il mio lavoro con questo criterio:  nella pagina  segni un percorso pittorico fatto di tracce lasciate con il pennello e con le dita, a volte; nella pagina materiali  la sperimentazione con carta, stoffa e altro, spesso recuperati e riciclati; nelle pagine  figure mi confronto con la rappresentazione del corpo di donna. Questa suddivisione è funzionale alla lettura del blog,  non corrisponde a periodi della mia vita dove segni, materiali e figure si intrecciano e si alternano.

Categorie: Pina Nuzzo | Lascia un commento

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: